Archivio dei tag Famiglia

DiLaura Panìco

Gioco d’azzardo patologico

Nel nostro paese il gioco d’azzardo è un fenomeno in netta espansione. Recentemente, il numero di persone che sviluppano condotte di gioco problematiche o patologiche è nettamente aumentato ed innesca gravi ripercussioni anche nel nucleo familiare del giocatore, non solo dal punto di vista economico ma anche relazionale.

Chi soffre di gioco d’azzardo patologico, è caratterizzato dall’incapacità di resistere al desiderio di scommettere e cimentarsi in giochi nei quali vi sia la possibilità teorica di guadagnare molto, affrontando un rischio relativamente modesto o comunque accettabile in relazione alla singola perdita.

Questa seppur remota probabilità di vincita più o meno consistente sollecita le aeree cerebrali coinvolte nel sistema della ricompensa in modo del tutto analogo a quanto farebbero l’abuso alcolico o di sostanze psicotrope, procurando esaltazione e piacere nell’immediato.
Il giocatore è indotto a ricercare nuovamente e sempre più spesso la medesima sensazione, con un meccanismo che ben presto determina dipendenza.

ll GIOCATORE SOCIALE, utilizza il gioco per divertirsi e spesso lo fa in compagnia. 

Pur sperando nella vincita, è motivato da un semplice desiderio di divertimento. Generalmente non spende più denaro di quanto non si possa permettere ed è in grado di smettere di giocare quando lo desidera, riconosce nel gioco una potenziale fonte di danno economico.

Il giocatore sociale intuisce e non oltrepassa il labile confine tra innocua distensione e morboso accanimento.

Il GIOCATORE PROBLEMATICO non ha il pieno controllo 
sul gioco e le conseguenze che derivano da quest’ultimo, come ad esempio i debiti, iniziano a invadere la sua vita, ripercuotendosi sul benessere personale, familiare, lavorativo e sociale.

Il gioco diventa compulsivo quando il giocatore non riesce a controllare il desiderio di giocare, a prescindere dalle conseguenze di questo comportamento.

Il GIOCATORE PATOLOGICO è colui per il quale il gioco d’azzardo rappresenta una dipendenza. Il bisogno di giocare è sempre più forte. 

Solitamente il giocatore non riesce a separarsi dal gioco se non per brevi periodi di tempo. Prova irrequietezza e irritabilità quando tenta di ridurre o interrompere il gioco d’azzardo (astinenza). La frequenza di gioco è elevata anche per l’illusione che il giocatore nutre di rifarsi delle precedenti perdite (rincorsa alla perdita). L’elevato livello di eccitazione raggiunto lo spinge a trascorrere sempre più tempo al gioco, trascurando ciò che lo riguarda, lo circonda. 

I soggetti con gioco d’azzardo patologico ricercano
gratificazioni immediate.

Criteri secondo il DSM V

Secondo il DSM V un comportamento di gioco problematico, ricorrente e persistente è indicato dalla presenza. Di 4 o più dei seguenti sintomi per almeno 12 mesi:

  1. Necessità di giocare quantità crescenti di denari;
  2. Irritabilità o irrequietezza quando si tenta di ridurre o interrompere il gioco;
  3. Ripetuti sforzi di controllare il gioco;
  4. Pensieri ricorrenti inerenti al gioco;
  5. Si gioca quando ci si sente a disagio;
  6. Dopo aver perso denaro, si torna a giocare;
  7. Bugie per nascondere il coinvolgimento nel gioco
  8. Si mette a rischio una relazione significativa o il lavoro;
  9. Si conta sugli altri per procurarsi il denaro necessario a giocare.

COMORBILITÀ DEL GIOCO D’AZZARDO CON I DISTURBI PSICHIATRICI

La presenza di disturbi di personalità (DP) rappresenta un aspetto di vulnerabilità per lo sviluppo del gioco patologico. I DP riflettono una modalità disfunzionale di funzionamento. Utilizzando un approccio categoriale, molti studi hanno trovato una forte associazione tra DGA e i cluster di personalità B, come evidenziato dall’alta prevalenza di DP antisociale, borderline, istrionico e narcisistico. I tratti di impulsività, di disregolazione emotiva, di sensation e novelty seekingtipici di questo cluster di personalità sono stati spesso osservati e riscontrati nei giocatori patologici e sembrano essere alla base dei comportamenti disfunzionali messi in atto da questi individui. Il disturbo antisociale di personalità, in particolare, sembra essere il disturbo maggiormente riscontrato tra i giocatori patologici e anche quello più studiato.

LA CURA FARMACOLOGICA

Antidepressivi SSRI (inibitori meccanismo di ricaptazione della serotonina)

I  farmaci  antidepressivi  sono finora  i più  studiati per  la terapia  del gioco  patologico,  in particolare i composti serotoninergici.  Il  razionale  dell’uso deriva direttamente  dall’ipotesi che  il gambling  incontrollato  sia  un disturbo  inquadrabile  nello  spettro  compulsivo-impulsivo:  diversi studi  hanno  confermato  sia  la  presenza  di  un  coinvolgimento  del sistema  della  serotonina  nei disturbi impulsivi e nell’aggressività, sia l’importanza dei farmaci serotoninergici (clomipramina e i moderni SSRI) come trattamento farmacologico di prima scelta del disturbo ossessivo-compulsivo.  Più  specificamente,  segni  di disregolazione  serotoninergica  sono  stati evidenziati anche in giocatori patologici.

L’APPROCCIO PSICOTERAPICO

La psicoterapia orientata a trattare i problemi legati al gioco d’azzardo patologico è tesa a modificare le abitudini comportamentali ed i pensieri disfunzionali ad esso collegati.
Il percorso mira a sviluppare le capacità di  gestire l’impulso al gioco, affrontare e controllare le emozioni negative anziché evitarle attraverso l’azzardo, comprendere e affrontare i problemi psico-socio-relazionali inevitabilmente causati dalla dipendenza.

• Consolidare la consapevolezza di malattia e la motivazione alla astensione totale da qualsiasi tipo di gioco;
• Comprendere quali elementi, spesso inconsapevoli, possano essere collegati, e dunque fungere da supporto, alla condotta patologica d’azzardo;
• Riconoscere e criticare le distorsioni cognitive e le false credenze che attraverso il pensiero magico spingono a confidare in una facile e prossima vittoria;
• Esplorare gli stati d’animo che il soggetto vive prima e durante l’esperienza di gioco, affinché possa riconoscerli ed evitare in questo modo eventuali future ricadute.

In accordo con il Paziente è possibile programmare sedute in cui possano essere presenti anche i familiari, essendo questa una dipendenza che coinvolge l’intero nucleo.

BIBLIOGRAFIA DI RIFERIMENTO

  • Bellio G, Croce M (Ed.). Manuale sul gioco d’azzardo. Diagnosi, valutazione e trattamenti. Milano: Franco Angeli; 2014;
  • Bellio G. I mille volti del giocatore d’azzardo impulsivo. Seminario. Asolo: Ulss 8; 2017. Disponibile all’indirizzo: http://www.centroastoria.it/wp-content/uploads/2017/06/18-Seminario-1000-volti-delgiocatore-dazzardo-impulsivo.pdf;
  • Blaszcynski A, Nower L. A pathways model of problem and pathological gambling. Addiction 2002:97(5):1485-9;
  • Capitanucci D. L’anello debole della catena. Essere figli in una famiglia con un problema di gioco. In: Il contesto del gioco d’azzardo patologico. Gallarate (Va): Associazione And-Azzardo e Nuove Dipendenze, Centro Internazionale Studi Famiglia; 2012;
  • D’Andrea G, Lipari A, Picone F, Scardina S, Spinnato G. La ‘sostanza’ della dipendenza: l’approccio sistemico e il gioco d’azzardo. In: Personalità e dipendenze. Modena: Mucchi Editore; 2006 p. 135- 144;
  • Farina G, Lipari A, Picone F, Scardina S. Il gioco d’azzardo patologico come “esperienza cocainosimile”: riflessioni sull’approccio integrato all’interno di un ambulatorio specialistico all’interno di un ser.t. In: Atti del Convegno ECM Cocaina e Poliabuso: la realtà italiana e gli scenari internazionali, Palermo, 1-2 dicembre 2005. Milano: Franco Angeli, Milano; 2005. p.12-15;
  • Picone F, Lipari A, Scardina S, Dimarco T. Dal progetto GAP al centro dipendenze senza sostanze: riflessioni teoriche e modello terapeutico. FeDerSerD informa 2012;18:25-6;
  • Taylor GJ, Bagby RM, Parker JDA. Disorders of affect regulation: alexithymia in medical and psychiatric illness. Cambridge University Press; 1997;
  • Zerbetto R, Croce M, Picone F. La ricerca empirica nel gioco d’azzardo patologico. In Caretti V, La Barbera D (Ed.). Le dipendenze patologiche. Clinica psicopatologica. Milano: Raffaello Cortina Editore; 2010.

DiLaura Panìco

Uomini maltrattanti e terapia EMDR

 

POTER SCEGLIERE DI..

Il maltrattamento non è un raptus, ma una scelta.

Per quanto condizionato da mille fattori di rischio, ambientali, relazionali, psicologici, il maltrattamento si sceglie e, per questo, si può anche SCEGLIERE DI FERMARE LA VIOLENZA.

Esistono degli elementi anamnestici e rilevabili in termini di attaccamento disfunzionale alle figure primarie di riferimento, che molti degli uomini che diventano violenti hanno in comune. Ad esempio, molti di loro vivevano in famiglie in cui non si capiva quello che accadeva. I genitori avevano comportamenti imprevedibili, non razionali. Oppure uno dei genitori era violento nei confronti del bambino o del/lla partner.

E alla fine, essere un uomo violento è una scelta.

Quando noi, in terapia, ascoltiamo gli uomini che parlano, cerchiamo di farli concentrare proprio su questo: la violenza è una scelta.

Loro cercano di portare in terapia tutta una serie di episodi che potrebbero portare a giustificare il loro comportamento, come appunto, le violenze subite dai familiari o le ingiustizie subite sul luogo di lavoro o nelle relazioni sentimentali. Noi cerchiamo, invece, di farli concentrare proprio sui loro comportamenti, riconsegnando a loro il focus del potere decisionale. A volte passiamo l’intera ora della terapia a ricostruire pochi minuti di un episodio che ha fatto scatenare la violenza, ricostruiamo con loro come era la stanza in cui è scoppiata la violenza, come era messo il piatto in tavola e così via, per farli concentrare sulle loro azioni e conseguentemente sui meccanismi di pensiero-emozione-comportamento che li hanno innescati, sui meccanismi che hanno fatto scattare la violenza.

 

Violence2

MENTALIZZAZIONE E CONSAPEVOLEZZA

Andiamo a nominare la violenza.

Gli uomini all’inizio la minimizzano, la negano, poi, pian piano, ne diventano consapevoli. Uno dei motivi più frequenti per cui un uomo decide di seguire un percorso di terapia per smettere di essere violento, è quando ci sono dei figli. Più che chiedersi “Che marito voglio essere?”, la molla che fa scattare la consapevolezza di avere bisogno d’aiuto, è “Che padre voglio essere?”. Da questa domanda può partire un percorso che porta ad acquisire nuove consapevolezze all’uomo maltrattante.

L’obiettivo principale per noi operatori sanitari è quello di mettere in sicurezza la vittima dei maltrattamenti ed eventuali minori coinvolti attraverso la riduzione dei comportamenti aggressivi. Intervenire direttamente sul soggetto maltrattante può contribuire all’interruzione del circolo della violenza.

Per lavorare efficacemente con gli uomini violenti è necessario sapere che dietro questa rappresentazione si nasconde l’immagine di un bambino traumatizzato che ha subito prima ed ha imparato poi ad essere violento come risposta elettiva, per quanto disfunzionale, ad una situazione vissuta di costante pericolo. Dietro un uomo violento è necessario quindi scorgere un’altra immagine: quella di un bambino traumatizzato che ha subito, a sua volta, una serie di esperienze negative avverse, uno di quei bambini che a volte vediamo nei nostri servizi sociali, nei servizi di tutela per minori e che molto probabilmente non ha avuto la fortuna o la possibilità di incontrare una figura terapeutica riparativa che potesse aiutarlo nella rielaborazione di tali esperienze.

La violenza viene percepita da questi uomini come l’unica opzione disponibile e possibile (per quanto disfunzionale) atta a gestire un conflitto relazionale. Le teorie riconoscono un ruolo centrale dell’attivazione del sistema limbico e dell’amigdala nei comportamenti aggressivi e un importante deficit di inibizione da parte della corteccia prefrontale (che svolge un ruolo fondamentale nei processi cognitivi e nella regolazione del comportamento).

Violence3

 

EMDR E RIELABORAZIONE

Le ricerche scientifiche affermano il ruolo centrale di iperattivazione dell’amigdala in connessione con i comportamenti violenti e sul quale invece la terapia EMDR possiede prove di efficacia incontestabili.

Dato l’assunto fondamentale della terapia EMDR secondo cui sintomo e malattia sono l’espressione di traumi registrati nella memoria in modo disfunzionale, allo stesso modo i comportamenti aggressivi e violenti possono essere considerati come la manifestazione sintomatica di traumi irrisolti, innestati su soggetti che nella vita hanno sviluppato modelli operativi interni disfunzionali e stili di attaccamento insicuri o disorganizzati con le loro figure di riferimento, vissuti in contesti familiari scarsamente protettivi, potenzialmente minaccianti o esplicitamente maltrattanti.

Nessuno nasce violento, nessuno ha il “gene cattivo” della violenza dentro di sé.

E i comportamenti violenti possono essere disattivati.

Il protocollo di trattamento EMDR è incentrato su trattamento di traumi con la t minuscola (ripetuti nel tempo e di natura prettamente relazionale) e con T maiuscola (eventi catastrofici, incidenti..), con particolare riferimento alla violenza subita (fisica e psicologica), alla violenza assistita, agli abusi sessuali, ai traumi transgenerazionali e ai traumi dell’attaccamento.

Attraverso la tecnica del Floatback (“tornare indietro”) vengono contattate dal paziente antiche emozioni di rabbia e umiliazione in relazione a questi eventi traumatici, emozioni e sensazioni corporee che coincidono perfettamente con quelle che si attivano quando, in situazioni di conflitto coniugale e a seguito di stimoli legati a sentimenti di umiliazione sono strettamente connesse al mancato contenimento della rabbia, che poi sfocia in maltrattamento.

Studi clinici dimostrano che il lavoro terapeutico con l’EMDR favorisce l’aumento della capacità di mentalizzazione (comprendo il mio stato mentale, comprendo il tuo stato mentale), una presa di consapevolezza autentica di quello che è stato e delle conseguenze dei propri agiti, vengono modificati i pattern di attaccamento disfunzionale.

Inoltre i traumi elaborati in maniera adattiva non innescano meccanismi automatici ed incontrollabili di aggressività, bensì strategie adattive di gestione dei conflitti e della rabbia.

Si osserva, quindi, in questi pazienti una maggior capacità di regolare le emozioni, un maggior controllo degli impulsi, una diminuzione dei livelli di dissociazione e un aumento generale del benessere e del funzionamento psichico globale.

Il valore aggiunto dell’EMDR offre quindi un reale potenziale per il trattamento degli autori di violenze, focalizzando l’attenzione sull’individuazione ed elaborazione dei ricordi traumatici alle radici della violenza stessa: i traumi elaborati in maniera adattiva non innescano più meccanismi automatici ed incontrollabili di aggressività bensì strategie adattive di gestione dei conflitti e della rabbia.

 

 

BIBLIOGRAFIA DI RIFERIMENTO

  • Bagattini D., Pedani V., Primo rapporto sulla violenza di genere in Toscana. Un’analisi dei dati dei Centri Antiviolenza, pubblicato dalla Regione Toscana, 2009.
  • Bourdieu Pierre, Il dominio maschile, Feltrinelli, 1998;
  • Cortinovis M., Trattare uomini violenti con EMDR, atti del congresso “20 anni di terapia EMDR in Italia”, Milano, 2019.
  • Johnson M., Patriarchal terrorism and Common Couple Violence: two forms of violence against women, Jouranla of Marriage and the Family, Vol. 57 N.2, 1995, p.283-294.
  • Ponzio G., Crimini segreti. Maltrattamento e violenza alle donne nella relazione di coppia, Baldini Castoldi Dalai editore, 2004
  • Romito P., Un silenzio assordante: la violenza occulta su donne e minori, Franco Angeli, Milano, 2005.

 

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi